Libri spicy, un genere sempre più popolare grazie a TikTok

di Carola Antonucci
7 Min.

Se parliamo di libri spicy ci riferiamo ad un genere che appassiona sempre di più i lettori contemporanei. Probabilmente il merito è ancora una volta della piattaforma social TikTok che riesce a rendere popolari titoli appartenenti a questo genere.

Come riconoscere i libri spicy?

libri spicy

Prima di inoltrarci nell’interessante discorso urge una premessa su cosa siano, più precisamente, i libri spicy. Senza dubbio quello che ci salta all’occhio è che la parola sia inglese e questo ci spinge a tradurre letteralmente la parola in “speziato”, che più correttamente si può intendere come “caldo”, hot. Questo ci fa intendere, quindi, che il genere spicy è un genere – o meglio dire, un sottogenere – che dona al romanzo elementi erotici, leggeri o anche molto espliciti.

Può capitare che nella stesura dei romanzi spicy, l’autrice o l’autore scelga di usare uno slow burn, quindi un lento climax che rende leggera la parte erotica e passionale, i protagonisti infatti ci arrivano lentamente.

Il linguaggio di questi romanzi è solitamente molto semplice e diretto, senza pretese d’arte o senza pretendere di avere una trama intricata. La domanda importante non è cosa accade – molto intuibile dal contesto – ma come, effettivamente, accade, l’atmosfera che si viene a creare tra tensione e provocazione.

I personaggi protagonisti sono sostanzialmente femminili. Si tratta di femministe radicate nelle loro convinzioni, molto spesso ferite dalla controparte maschile. Scelgono come conseguenza di non innamorarsi un’altra volta, finché non arriva qualcuno a sconvolgere i piani e a cambiare tutto, come nei romance.

Lo spicy non è solo romance

Nodo di Sangue, libro urban fantasy spicy di Laurell hamilton
© Casa Editrice Nord

Solo perché è un sottogenere che solitamente vediamo accostato ai romanzi rosa, non vuol dire che sia effettivamente ed indissolubilmente legato ad essi. Proprio perché è un sottogenere lo si può affiancare ad un genere narrativo differente.

Probabilmente siamo tutti noi vittima del marketing che, nel pubblicizzare determinati titoli del momento, lo stereotipa a sfumatura del romanzo rosa. Non dobbiamo però stupirci, lo spicy ha spezzato le sue catene dal pregiudizio proprio un decennio fa con l’uscita della famosa trilogia di E. L. James, 50 Sfumature di Grigio. Da allora, non solo ha smesso di essere un tabù, ma ha legato, nella mente dei meno informati, la sua esistenza al romance.

Con questa premessa possiamo quindi affermare che il sottogenere spicy è affiancabile ad ogni genere, anche il fantasy. Se parliamo di fantasy, l’Urban fantasy non ha mai rifiutato di spingere su scene erotiche e di passione. Uno dei libri del 2023, Nodo di sangue di Laurell K. Hamilton, è il primo libro di una saga che prevede scene erotiche molto grafiche ed esplicite con relazioni poliamorose.

Grazie a TikTok, spopola tra i giovani

libri spicy fantasy Sarah Maas
Saga completa di Sarah J. Maas. © Hall of Series

Nonostante avesse rotto le catene del pregiudizio con la saga 50 sfumature di Grigio, rimaneva comunque un genere molto stigmatizzato e portava ancora addosso i pregiudizi bigotti.

L’avvento dei social, specialmente con la piattaforma TikTok, ha permesso ai lettori di tutto il mondo di condividere le passioni di lettura e le preferenze, scambiando anche opinioni molto stimolanti. Un fenomeno globale è infatti la crescita esponenziale della community BookTok, che con i suoi utenti -i booktokers- permette la diffusione veloce di vecchie e nuove uscite, il tutto grazie a video ironici o recensione.

Si è cominciato ad abbattere il velo di vergogna e di pudicizia che macchiava lo spicy per permettere di far raggiungere, agli autori del genere, la loro meritata notorietà.

A questo proposito è giusto citare una saga appartenente alla narrativa fantasy che ha spopolato tra la community del BookTok, Una Corte di Rose e Spine di Sarah J. Maas e Crescent City della stessa autrice. Possiamo dire quasi che l’autrice abbia dato il permesso al genere piccante la legittimità di esistere. Anche autrici più autorevoli hanno seguito la scia di Sarah e hanno aggiunto elementi spicy alle loro storie come Leigh Bardugo.

Ma perché è un genere che piace così tanto?

La domanda che sorge spontanea, in realtà, non è tanto perché piaccia tanto, ma perché ci sembri stia piacendo solo ora. Come possiamo immaginare, bisognerebbe ritornare sempre alla comunicazione via social, che al giorno d’oggi è davvero importante. Se prima i lettori di spicy dovevano scegliere i romanzi in disparte, magari utilizzando i primi e-readers o usare una sovra coperta diversa, ora sono liberi di leggere “alla luce del sole”. Quindi forse, invece di chiederci perché sia così popolare, dobbiamo pensare al fatto che ne stiamo prendendo consapevolezza soltanto ora.

Nelle generazioni moderne esiste sempre meno la paura del giudizio e vi è sempre di più la meravigliosa corsa all’inclusività. Tutto questo ha avuto conseguenze sulla cultura dell’accettazione, migliorando i rapporti umani. Nessuno ha più paura di mostrarsi con un libro spicy in mano, è del tutto normale.

Anche chi non ama il genere, a volte troppo scurrile, non si sente in dovere di criticarlo, potendo sempre avvicinarsi per curiosità personale. La curiosità, infatti, non è più una colpa o un limite e forse è proprio questo che ci dona l’impressione che il genere spicy sia così popolare. Il fatto che esista, che ci aspetti o meno, è sempre lì al pari di altri generi di tutto rispetto.

Detto questo è forse giusto puntualizzare che lo spicy sia sempre esistito, solo che anni fa non aveva il coraggio di uscire allo scoperto.

Scritto da Carola Antonucci

fonti: ilLibraio, screenworld, ibs, amazon


Le foto presenti in questo articolo provengono da internet e si ritengono di libero utilizzo. Se un’immagine pubblicata risulta essere protetta da copyright, il legittimo proprietario può contattare lo staff scrivendo all’indirizzo email riportato nella sezione “Contatti” del sito: l’immagine sarà rimossa o accompagnata dalla firma dell’autore.

Articoli Correlati