Il mercoledì di Sanremo: recap della seconda serata

di Alessia Agosta
8 Min.

Il Festival di Sanremo è arrivato alla seconda serata: da programma, questo è il giorno dedicato a soli quindici dei trenta cantanti in gara. I partecipanti vengono presentati da coloro che non si esibiscono: accade per la prima volta nella storia di Sanremo. È stata introdotta, anche, la Giuria della Radio, composta da quasi duecento radio; insieme al televoto, costituiranno le votazioni della serata. 

Sanremo i conduttori della seconda serata

Questa sera il collegamento con Sanremo si apre fuori, con Amadeus e Fiorello che, scherzando, danno la linea a “Nonno Ruggiero”. È proprio Ruggiero Del Vecchio, la spalla di Fiorello a Viva Rai2, a dare il via alla seconda sera del Festival della musica italiana.

Il tono dello spettacolo lo si può intuire da La Sad che presenta la coppia Renga-Nek: la band si è infatti mostrata sul palco con uno smoking elegante, con stampata, sul retro di ogni giacca, la faccia di Amadeus versione punk.

La co-conduttrice della serata è la cantautrice Giorgia, che fa la sua entrata interpretando il suo brano “E poi”. Tocca a lei annunciare il presentatore della terza esibizione: si tratta di Mr. Rain che accoglie sul palco Alfa. 

Dopo Lazza ieri sera, vediamo un altro esponente delle nuove generazioni sul Suzuki Stage: Rosa Chemical esegue “Made In Italy”, la canzone che ha portato durante la sua partecipazione a Sanremo 2023. 

Le esibizioni filano lisce come l’olio ed è diventata consuetudine regalare i fiori di Sanremo al Direttore d’orchestra, o dedicare il proprio brano a qualcuno di importante.

Gli ospiti italiani

L’inno dell’Emilia-Romagna quest’anno compie settant’anni e non c’è modo migliore di festeggiarli se non suonarla sul palco più invidiato d’Italia. L’Orchestra Casadei e la nuova orchestra Santa Balera hanno intonato “Romagna mia”, simbolo del forte legame tra abitanti e regione. È diventata anche emblema del riscatto per le dure alluvioni che hanno colpito il territorio, intonata spesso dai ragazzi che ripulivano le strade dal fango. 

Amadeus consegna anche il primo premio del Festival allo scenografo Gaetano Castelli, che ha allestito le scenografie di Sanremo per più di venti volte nel corso delle edizioni: si tratta del premio alla carriera “Città di Sanremo”.

Leo Gassmann sale sul palco quasi a chiusura per omaggiare con “Tutto il resto è noia” Franco Califano, importante cantautore interpretato proprio da Leo nella nuova serie targata Rai.

Un festival internazionale: da John Travolta a Bob Sinclair

Sanremo John travolta

Giorgia ha presentato l’ospite speciale della serata: John Travolta fa il suo ingresso sul palco sorridente, e balla, con Amadeus, sulle note dei suoi film più celebri, come Grease o Pulp Fiction. 

È indispensabile anche fargli conoscere “Ciuci”, l’amico fidato di Amadeus, ossia Fiorello. I due, quindi, si dirigono all’Aristonello, e dopo le formalità, John Travolta si ritrova a ballare il ballo del QuaQua con i due showmen.

Dalla terraferma ci si sposta al mare, aprendo il collegamento con la Costa Smeralda su cui suona Bob Sinclair, che propone alcune sue hit mondiali.

La seconda serata di Sanremo all’insegna dell’emozione

Giovanni Allevi, pianista e compositore, dopo una standing ovation da parte del pubblico, parla della terribile malattia che l’ha colpito e gli ha impedito di suonare. Quale miglior occasione di riscatto se non quella di suonare al Teatro Ariston davanti a circa duemila persone.

Il toccante monologo di Allevi ha preceduta la sua magnifica interpretazione al piano del suo inedito “Tomorrow”.

Un argomento affrontato durante la seconda sera riguarda i femminicidi: il cast di Mare Fuori ha potuto leggere un monologo sulle parole d’amore per lanciare il messaggio alle nuove generazioni. Subito dopo, la loro esibizione della sigla della serie tv, composta dall’esecutore Matteo Paolillo.

La classifica della seconda serata 

All’una e mezza di notte, in anticipo rispetto a ieri, viene annunciata la Top Five della serata, i cinque concorrenti più votati.

Mahmood resta in quinta posizione con “Tuta Gold”, seguito dalla Bertè e da Annalisa. Ai primi due posti compaiono nuovi nomi: Irama con “Tu no” al secondo posto, mentre trionfa Geolier con “I p’ me, tu p’ te”.

Gli ascolti sono leggermente più bassi rispetto alla prima grande serata, ma Sanremo procede a gonfie vele.


Le foto presenti in questo articolo provengono da internet e si ritengono di libero utilizzo. Se un’immagine pubblicata risulta essere protetta da copyright, il legittimo proprietario può contattare lo staff scrivendo all’indirizzo email riportato nella sezione “Contatti” del sito: l’immagine sarà rimossa o accompagnata dalla firma dell’autore.

Articoli Correlati