Woody Allen ritiro: a breve le riprese dell’ultimo film

di Maugeri Costanza
Pubblicato: Ultimo aggiornamento il 5 Min.

La leggenda vivente del cinema Woody Allen ha annunciato di voler uscire dalla scene e dedicarsi alla scrittura di un romanzo.

Aveva già dichiarato all’inizio di quest’anno in live su Instagram con l’attore americano Alec Baldwin:

Gran parte del brivido è sparito. Ora fai un film e ti ritrovi per un paio di settimane in un cinema, e poi passi allo streaming o al pay per view. Non è lo stesso. Non è così divertente per me. Ne farò un altro e vedrò come ci si sente”

A Parigi nelle prossime settimane inizieranno le riprese del suo ultimo film: “Wasp 22”.

woody allen ritiro

In onore del suo ritiro, la carriera che lo renderà artisticamente immortale.

Woody Allen, ormai 86enne ha alle spalle oltre 50 anni di carriera, non un ma Il maestro del cinema, candidato agli Oscar per ben 16 volte e vincitore 4 volte, ha firmato nella sua vita artistica 49 film.

Tra i più celebri citiamo: Io e Annie del ’77, Hannah e le sue sorelle dell’86, e Midnight in Paris del 2011.

Io e Annie: la consacrazione.

Frame film di woody allen
una scena di Io e Annie

Si può affermare con certezza che “Io e Annie” del ’77 ha consacrato Allen alla fama.

Il film è la storia di Alvy Singer un comico con una vita professionale soddisfacente ma altamente insoddisfatto nella vita privata che narra la sua storia d’amore con la stravagante Annie, storia giunta al termine proprio per l’eccesivo pessimismo dell’uomo che delinea tutte le tappe della sua relazione e prova con pochi risultati a ricostruirsi una vita.

Un amore puro ma nello tempo nevrotico che ha reso Allen il re del cinema.

I lati oscuri della sua vita: l’accusa di abuso sessuale.

 Nel 2019 Il movimento femminista Me Too ha accusato Woody Allen di aver molestato Dylan, figlia che il regista ha adottato con l’ex compagna Mia Farrow.

Lo scandalo ovviamente è stato enorme, tanto da influire sulla sua carriera.

Allen ha contestato così:

“Non m’interessa cosa pensa Hollywood di me. Non ho mai lavorato a Hollywood, ho sempre lavorato a New York. Se anche più nessuno avesse finanziato i miei film, i miei spettacoli teatrali o pubblicato i miei libri, io mi sarei comunque alzato e avrei continuato a scrivere perché è quello che faccio. Quindi io lavorerò sempre, quello che succede a livello commerciale alle mie opere è un’altra questione. Io non ho neanche mai pensato di ritirarmi.”

Scritto da Costanza Maugeri


Le foto presenti in questo articolo provengono da internet e si ritengono di libero utilizzo. Se un’immagine pubblicata risulta essere protetta da copyright, il legittimo proprietario può contattare lo staff scrivendo all’indirizzo email riportato nella sezione “Contatti” del sito: l’immagine sarà rimossa o accompagnata dalla firma dell’autore.

Articoli Correlati