Rocco Siffredi: dopo il successo di Supersex arriva una denuncia per molestie

di Emanuele Fornito
4 Min.

Fa parlare di sé da anni e, soprattutto nell’ultimo periodo, il personaggio di Rocco Siffredi è ritornato alla ribalta grazie al successo della serie Netflix Supersex, in cui l’attore hard è interpretato da Alessandro Borghi. Un fulmine a ciel sereno potrebbe però essere definita la denuncia esposta al commissariato di Polizia di Prati da parte di una giornalista, accusando Siffredi di molestie a seguito di un’intervista.

La ricostruzione

Il Corriere della Sera ha cercato, grazie al reperimento delle chat Whatsapp, di ricostruire la vicenda, che sembrerebbe partire dall’inizio del 2023, quando la giornalista, rappresentata oggi dallo studio legale di Laura Sgrò, si mette in contatto con Siffredi per un’intervista in merito alla serie Netflix. Ad una prima fase di colloqui, in cui l’attore avrebbe mosso degli apprezzamenti verso la donna, segue l’intervista vera e propria, fatta poi revisionare a Siffredi. Tuttavia, la situazione crolla dopo la pubblicazione della suddetta intervista: secondo la testimonianza della giornalista, Rocco Siffredi si sarebbe reso protagonista di insulti e allusioni nei confronti della donna, che aveva già avvisato l’attore di una possibile denuncia.

Rocco Siffredi

Diana Ringo, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

Le scuse e la denuncia

Siffredi, resosi conto della situazione, spiega, in un messaggio vocale alla giornalista, il suo rammarico per le parole offensive. Scuse arrivate, per sua ammissione, non per evitare la denuncia ma sinceramente.

Queste però non evitano l’arrivo della denuncia, che fa seguito ad un periodo di disordine psicologico e di stati ansiosi che colpiscono la giornalista e che, secondo l’avvocato Sgrò, costituiscono il reato di molestie.

La replica di Siffredi

Ancora una volta è il Corriere della Sera ad ascoltare la testimonianza dell’attore, il quale ribadisce la sua posizione ed esprimendo perplessità sul comportamento della giornalista. Secondo le parole di Siffredi, già tempo fa gli era stato sconsigliato di concedere un’intervista alla donna <<per i modi insistenti e aggressivi con cui si era presentata>> ma, scegliendo di farla, si è trovato, sempre secondo quanto testimoniato da Siffredi, dinanzi uno stravolgimento delle sue parole, che lo avrebbe indotto ad uno sfogo telefonico per cui l’attore ha chiesto scusa.

I futuri accertamenti

Se da una parte l’avvocato Sgrò sembrerebbe essere determinata nel procedere legalmente, ad oggi non si conoscono ancora i possibili sviluppi della vicenda, la quale meriterebbe un generale chiarimento. Naturalmente l’analisi delle chat Whatsapp ottenute costituirà un prezioso passo per determinare se si sia concretizzato davvero il reato di molestie ma, fino a quel momento, la questione resta ancora aperta.


Le foto presenti in questo articolo provengono da internet e si ritengono di libero utilizzo. Se un’immagine pubblicata risulta essere protetta da copyright, il legittimo proprietario può contattare lo staff scrivendo all’indirizzo email riportato nella sezione “Contatti” del sito: l’immagine sarà rimossa o accompagnata dalla firma dell’autore.

Articoli Correlati