Nuove forme di genitorialità: Chi è padre? Chi è madre?

di Alessia Giurintano
4 Min.

La contemporaneità è immersa in un percorso di decostruzione dei modelli e di nuove forme di genitorialità.

La famiglia e la genitorialità chiamano insieme due dimensioni: quella soggettiva, personale, e quella pubblica, manifesta.

Uniscono un fatto privato, che tocca la sfera personale e intima delle persone, e un fatto pubblico, chiamando in causa il diritto e la sua intrinsicamente politica.

La famiglia e la parentela delle società attuali hanno assunto forme mutevoli, fluide e inattese.

Dalla natura alla cultura: le forme di genitorialità come scelta

La famiglia non è solo quella nucleare, fondata sul matrimonio e la procreazione. Non riguarda soltanto il “Genitore 1” con il “Genitore 2, e i figli che ne conseguono.

L’antropologia dimostra il progressivo allontanamento da questo modello, verso forme di reti relazionali aperte, fluide, interconnesse, nuove.

Le famiglie contemporanee riflettono in primo luogo le spinte dei singoli verso valorizzazioni personali e percorsi di vita sempre più individualizzati.

L’antropologia si è inoltre soffermata sul superamento del rapporto tra la riproduzione sessuata e le forme di genitorialità e parentela.

L’atto sessuale come fondamento della procreazione non è l’unica possibilità di fare famiglia. I legami sono quindi soggetti ad una continua negoziazione, variabili, contingenti.

Nuove forme di genitorialità e modelli di famiglia

Le nuove tendenze familiari: la struttura mobile tra passato presente e futuro

Le forme di parentela e di genitorialità vanno compresi ora alla luce del principio di “scelta consapevole“.

Chiamati a prendere decisioni responsabili, i soggetti elaborano condotte e compiono “scelte di famiglia” che implicano trasparenza e riflessività.

La genitorialità diventa così una scelta e un diritto al tempo stesso, esercitato dallo Stato e soggetto a controllo istituzionale.

A tutto questo, si aggiunge l’elemento del corpo, che inevitabilmente si pone al centro del tema, all’origine (my body, my choice).

La gestione del corpo, del benessere, delle funzioni in un ottica sessuale e riproduttiva, è stato il focus d’eccellenza tanto per le scienze mediche quanto per quelle politico- giuridiche.

 Nella parentela contemporanea vediamo agire due tendenze

  • Diffusione di modi di fare famiglia nuovi, basati sulla dissociazione tra matrimonio, filiazione, residenza (famiglie omogenitoriali, ricomposte, adottive, coppie di fatto…).
  • Nuova modalità di relazione biogenetica, resa possibile dalla tecnologia medica applicata alla procreazione umana (inseminazioni artificiali, fecondazione in vitro, gestazione per altri)
Chi è un padre? Nuove forme di genitorialità

La relatività delle categorie e i modelli confusi

Rispetto al passato, è avvenuto uno spostamento da uno stato mentale ad un altro.

Il figlio cessa di essere “una risorsa” per la famiglia e la parentela (braccia da destinare precocemente al lavoro) per diventare “un bene costoso” che si può mantenere solo a prezzo di enormi sacrifici e investimenti.

Nell’affermarsi, inoltre, della visione morale e normativa che mette al centro il bambino, il principio di responsabilità genitoriale ha finito inevitabilmente per imporsi come potente sfondo ideologico tanto da essere metro di giudizio sociale.

Come tale, è quasi sempre profondamente interiorizzato dai genitori e futuri genitori, e per questo, accessibile solo a coloro che si sentono pronti, maturi, e soprattutto economicamente stabili per garantire il meglio alla propria prole.


Le foto presenti in questo articolo provengono da internet e si ritengono di libero utilizzo. Se un’immagine pubblicata risulta essere protetta da copyright, il legittimo proprietario può contattare lo staff scrivendo all’indirizzo email riportato nella sezione “Contatti” del sito: l’immagine sarà rimossa o accompagnata dalla firma dell’autore.

Articoli Correlati