Max vince a fatica, Pecco resta in prima posizione, l’Inter la ritrova

di Antonucci Carola
9 Min.

Siamo tornati con la rubrica del lunedì dove la parola d’ordine è: sport. Oggi ci soffermiamo sulla doppietta nel Gran Premio degli USA di Max Verstappen, su Pecco Bagnaia che mantiene la sua prima posizione andando a +27 da Jorge Martin e, infine, dell’Inter che torna in vetta.

F1: Il GP ad Austin si rivela “sweet and sour” per la Ferrari. Max fa doppietta ed Hamilton si allontana da Perez

La Formula 1 per il weekend di gara vola ad Austin, negli Stati Uniti. Il format della Sprint Race torna protagonista, ma crea problemi a ben due piloti in griglia. Il regime di parco chiuso ha impedito alle scuderie di apportare modifiche alle monoposto una volta finita la FP1, e complice l’asfalto irregolare del circuito, il fondo di Hamilton e Leclerc è risultato non conforme ai regolamenti.

Il leitmotiv del fine settimana sono proprie le stelle, sia quelle sulle livree per omaggiare la seconda tappa statunitense del calendario e sia quelle che rincorre Max Vesrtappen, insaziabile anche con il terzo titolo in tasca. Raggiunge, infatti, le 50 vittorie.

Il fine settimana inizia con le Qualifiche del venerdì. I tifosi della rossa si sono illusi vedendo Charles Leclerc conquistare la pole. Aveva completato il giro secco a soli 2 millesimi dall’olandese, ma a causa del tempo cancellato per track limits scende in sesta posizione e il numero 16 parte al palo. Dietro di lui Norris ed Hamilton, rispettivamente secondo e terzo. Sainz e Russell precedono l’olandese in quarta e quinta posizione.

Sprint Race

Max, vince la sprint race in Texas. Pecco arriva secondo in Moto Gp e Inter ritrova la prima posizione in classifica.
Podio Sprintrace, piloti premiati dalla campionessa dei 100 metri femminili, Sha’Carri Richardson

Quasi scontato annunciare il vincitore, ormai lo si può dedurre anche senza vedere la gara. Ma i meriti per l’eccezionale pilota che è Max Verstappen non si possono omettere. Conquista la pole nello shootout, iniziando e concludendo la gara in prima posizione.

Dietro di lui, in prima fila, c’è Charles Leclerc. Come già anticipato, il monegasco ha iniziato il suo weekend in ottima forma. Il primo giro della Sprint ha regalato un acceso dibattito tra i tifosi della rossa e quelli della Red Bull. Max, con una manovra ritenuta regolare ma al limite, ha “accompagnato” fuori pista il numero 16, impedendo un possibile sorpasso in partenza e facendogli perdere la seconda posizione a favore di Lewis Hamilton.

19 giri dopo, la mini gara regala il podio ad Hamilton e Leclerc, rispettivamente secondo e terzo alle spalle di Max. Norris in quarta posizione seguito da Perez e Sainz. Gasly guadagna 2 punti – arrivando settimo – scalando così di una posizione la classifica piloti.

La gara

Max, fa doppietta in Texas. Pecco arriva secondo in Moto Gp e Inter ritrova la prima posizione in classifica.
Max vince anche domenica, partendo sesto.

In gara, domenica, la sfortuna bussa al box Ferrari, salutando la scuderia come una vecchia amica e lasciando un retrogusto dolce-amaro ai tifosi. La prima posizione di Leclerc viene persa per un bloccaggio in partenza, facendo slittare avanti il britannico della McLaren, partito dietro di lui. Ma non finisce qui. Per il monegasco, infatti, la scuderia opta per una strategia per nulla ottimale, una sola sosta – Medium e poi Hard Tyre – che lo hanno fatto scendere in sesta posizione. Mantenuta però con molta fatica, tagliando il traguardo poco più avanti di Russell, agguerrito e con DRS alle spalle. La vittoria è di Max Verstappen, anche se non con il solito distacco. I due inglesi – Norris ed Hamilton – sono riusciti a dargli filo da torcere per la prima volta in questa stagione, dove la sua dominanza è stata inarrestabile.

Max, vince la sprint race in Texas. Leclerc ed Hamilton squalificati. Pecco arriva secondo in Moto Gp e Inter ritrova la prima posizione in classifica.
Hamilton e Leclerc squalificati

Hamilton conclude la gara in seconda posizione, cedendola poi al connazionale Lando Norris a causa della squalifica che colpisce anche il monegasco. Il fondo della loro monoposto è stato ritenuto troppo usurato per la FiA. La delusione per i tifosi della rossa viene alleggerita da un solido Carlos Sainz che, dopo una buona gara, trova così il podio.

Applausi meritati per Yuki Tsunoda che guadagna il suo primo punto addizionale per il giro veloce. Sargeant, con la classifica stravolta dalle squalifiche, riesce ad approdare in zona punti, conquistando il suo primo punto. Oscar Piastri, Esteban Ocon e Fernando Alonso out durante la gara.

Moto GP: crolla Martin e Pecco tira un sospiro di sollievo, a vincere però è Zarco

Pecco arriva secondo, dietro Zarco in Australia.
podio GP Australia. Zarco 1°, Bagnaia 2° e Di Giannantonio 3°.

Il francese Johann Zarco trionfa nel GP d’Australia con la sua Ducati Pramac – primo successo in top class dopo 120 gare che festeggia come ai vecchi tempi, con un salto mortale all’indietro – quando Jorge Martin crolla all’ultimo dopo aver dominato l’intera gara, scalando così in quinta posizione. A completare il podio Pecco Bagnaia e Fabio Di Giannatonio, secondo e terzo. Per il romano della Ducati Gresini è il primo podio della stagione, impresa eroica e dal carattere competitivo, emerso probabilmente in seguito alla notizia che nel 2024 dovrà lasciare la sua moto a Marc Marquez.

Fuori dalla zona podio Brad Binder con la Ktm che chiude quarto davanti a Martin. Lo spagnolo si aspettava una vittoria ma la scelta di montare una posteriore morbida lo ha fatto crollare – insieme alle sue gomme – all’ultimo giro. Da primo a quinto in meno di un chilometro.

Serie A: l’Inter torna in vetta, Juve e Milan lo seguono con 1 punto di differenza

Inter ritrova la prima posizione in classifica. Locatelli segna contro Milan.
gol di Locatelli contro il Milan, sua ex squadra.

Il weekend di Seria A inizia con i tre anticipi del sabato. Dopo lo stop per le Nazionali, si scontrano Hellas Verona e Napoli. Gli azzurri vincono con 3 gol di Kvara e Napolitano. L’Inter regala ai suoi tifosi un 3-0 fuori casa contro il Torino. La Lazio vince con 2 gol contro il Sassuolo.

Roma, Bologna e Atalanta vincono in casa contro – in ordine – Monza, Frosinone e Genoa. Locatelli segna il gol decisivo per la partita Milan – Juventus. La Juve vince 1-0 fuori casa proprio grazie al gol dell’ex giocatore del Milan. La squadra milanese parte in vantaggio e solo un miracolo di Szczesny impedisce il gol di Giroud al tredicesimo. Il rossonero Thiaw non è solo rosso di rabbia, anche il suo cartellino è del medesimo colore per un fallo su Kean lanciato in rete. La Juve, fatica inizialmente, ma dopo il gol, si trova nel finale a compiere due azioni di Vlahovic e Cambiaso, che vengono però salvate da Mirante.

L’unico pareggio del weekend è per Salernitana-Cagliari con un 2-2.

Le 4 squadre che posticipano e giocano nella giornata di oggi, lunedì 23 ottobre, sono Udinese-Lecce alle 18:30 (Dazn) e Fiorentina-Empoli alle 20:45 (Dazn, Sky).

Napoli, Inter, Lazio e Milan la prossima settimana saranno impegnate in Champions League.

Di Carola Antonucci.


Le foto presenti in questo articolo provengono da internet e si ritengono di libero utilizzo. Se un’immagine pubblicata risulta essere protetta da copyright, il legittimo proprietario può contattare lo staff scrivendo all’indirizzo email riportato nella sezione “Contatti” del sito: l’immagine sarà rimossa o accompagnata dalla firma dell’autore.

Articoli Correlati