Aurore boreali anomale nel mondo: che significa?

di Alessia Giurintano
4 Min.

Le aurore boreali sono caratteristiche di paesi come la Lapponia o l’Islanda, eppure, negli ultimi giorni, anche il cielo italiano si è tinto di un colore anomalo.

Esse costituiscono il principale motivo di attrazione turistica, regalando spettacoli naturali mozzafiato.

Prendono forma dalle particelle solari elettricamente cariche che, insieme ad atomi di ossigeno, restano bloccate nel campo magnetico terrestre.

Il colore che l’occhio umano distingue, è dato dalla quota più o meno bassa a cui questa interazione avviene.

Nei paesi di cui sopra, la quota è bassa (tra i 100 e i 300 km dalla nostra testa), per cui il colore è verde.

Può accadere, però, che le particelle interagiscano ad una quota più alta -tra i 400 e gli 800 km-, a causa dell’intensa attività dl Sole.

Il colore in questo caso è rosso, come notato anche in Italia.

Dal Piemonte alla Sardegna: le aurore boreali geomagnetiche di grado G5

 Una tempesta geomagnetica inaudita, un bagliore colorato ha travolto il cielo (anche) italiano.

Sardegna, Abruzzo, Basilicata, Emilia-Romagna, Piemonte: la notte a cavallo tra venerdì e sabato, è stata testimone di una delle tempeste geomagnetiche più intense.

La tempesta deve il suo nome alle particelle solari, meglio conosciute come “vento solare“, repinte generalmente dal campo magnetico terrestre.

Il National Oceanic and Atmospheric Administration statunitense (NOAA), che monitora la condizione dell’atmosfera e degli oceani, si occupa di tenere aggiornamenti costanti sulla posizione delle aurore boreali nei due emisferi del mondo.

Questa agenzia ha inoltre segnalato le condizioni estreme geomagnetiche a cui si è assistito: con il grado 5, queste aurore boreali sono le più intense dal 2003.

Risultato osservazione dell’Agenzia NOAA su X

Un altro segnale preoccupante? Facciamo chiarezza

L’intensità della tempesta geomagnetica, che risulta essere un evento raro, può sollevare preoccupazioni. Tuttavia, l’esperto Pierluigi Randi, tecnico meteorologo certificato e meteorologo dell’Associazione Meteo Professionisti (Ampro), ha dichiarato:

È assai difficile, se non impossibile, fare previsioni certe sugli effetti che provocano queste tempeste, poiché le conseguenze di una tempesta geomagnetica dipendono da una miriade di fattori

Sebbene l’Agenzia americana di cui sopra, illustrando la scala di intensità e di rischi annessi, dia l’allarme; il dottor Randi sostiene:

È molto improbabile che ci siano conseguenze tangibili per la popolazione, anche se è giù stato segnalato qualche fenomeno di blackout radio.

Crediti per l’immagine di copertina a A. Strada, dall’Estonia.


Le foto presenti in questo articolo provengono da internet e si ritengono di libero utilizzo. Se un’immagine pubblicata risulta essere protetta da copyright, il legittimo proprietario può contattare lo staff scrivendo all’indirizzo email riportato nella sezione “Contatti” del sito: l’immagine sarà rimossa o accompagnata dalla firma dell’autore.

Articoli Correlati