Abu Dhabi : l’ultima gara 2023, Mercedes al 2° posto

di Carola Antonucci
Pubblicato: Ultimo aggiornamento il 8 Min.

Siamo giunti alla fine. Le luci di Abu Dhabi si sono accese per l’ultima volta per dare il via ad una gara che, diverse volte, ha decretato il campione della stagione. Quest’anno il campione era già deciso da tempo, con un anticipo di 6 gare, Max Verstappen. I motori, però, non hanno smesso di rombare, regalando agli appassionati l’ultima danza di velocità dell’anno sul palcoscenico del circuito di Yas Marina. Le stelle colorate della Formula 1 si sono schierate sulla griglia di partenza e hanno fatto ancora una volta sognare, tra il vento caldo del deserto, le urla dei tifosi e il luccichio delle luci ad illuminare la notte. Con già i primi posti delle classifiche in mano Red Bull, ecco le altre due stelle pronte a scontrarsi: Ferrari e Mercedes con i loro alfieri talentuosi.

L’ultimo sabato di qualifica in quel di Abu Dhabi

Abu Dhabi, vince Max e si conclude la stagione 2023
Max Verstappen – ABU DHABI, UNITED ARAB EMIRATES – NOVEMBER 26: (Photo by Mark Thompson/Getty Images)

La stagione 2023, nonostante l’incontrollabile dominio Red Bull con il tri campione del mondo, Max Verstappen, ha omaggiato anche con delle piccole soddisfazioni per le altre scuderie. Aston Martin ha iniziato l’anno in maniera eccellente, Alonso ha messo a tacere chi lo vuole in pensione grazie al suo talento. McLaren ha avuto il suo anno migliore dopo diverso tempo, i due giovani piloti Lando Norris e Oscar Piastri hanno portato in alto la scuderia arancione, stupendo tutti gli spettatori.

Ferrari e Mercedes, nonostante l’inizio burrascoso e non adatto al loro nome, sono riuscite a risollevarsi arrivando a lottare fino all’ultimo giro per il secondo posto costruttori. George Russell, Charles Leclerc e Lewis Hamilton hanno regalato podi indimenticabili. Esteban Ocon e Pierre Gasly, insieme in Alpine, sono saliti sul podio rispettivamente a Baku e in Olanda. Ed infine, come dimenticare l’unica vittoria non Red Bull dell’anno, tra le luci del circuito cittadino di Singapore, con Carlos Sainz sul gradino più alto.

Leclerc mette insieme un magico giro secco, ma la pole è di Max

Per la lotta secondo posto costruttori tra Ferrari e Mercedes, il weekend non inizia nel migliore dei modi. Carlos Sainz non riesce a portare a casa un buon giro dopo essersi sbattuto contro il muro in una sessione delle libere. Viene, infatti, eliminato da Sergio Perez e non riesce ad accedere al Q2, partendo così 16°.

Abu Dhabi, George Russell conquista il podio e il secondo posto costruttori
George Russell, Mercedes. 2023 Abu Dhabi Grand Prix, Friday – LAT Images

Per la Mercedes non è comunque da meno, una lotta tra compagni di squadra concede l’entrata in Q3 a George Russell, ma un’11° posizione all’altra freccia argento di Lewis Hamilton. Fuori dal Q3 anche Ocon, Stroll, Albon e Ricciardo. Al Q3 accede un sorprendente Yuki Tsunoda che va a conquistare la sua posizione. Il suo miglior risultato.

Molto bravi anche i due giovani della McLaren – Oscar Piastri e Lando Norris – che si accaparrano rispettivamente la posizione numero 3 e la 5. Chiudono a sandwich il numero 63 della Mercedes. Charles Leclerc conquista a fatica la prima fila per la quinta volta consecutiva – e per la prima volta ad Abu Dhabi – davanti a lui solo Max Verstappen. Per il campione è la pole numero 32 e la 58° volta in prima fila, a -2 da Rosberg. Fernando Alonso ritorna in top 10 insieme a Nico Hulkemberg.

I 1000 giri al comando in una sola stagione per Max; #essereFerrari è fatto su misura per il predestinato

Abu Dhabi, il podio 2023
ABU DHABI, UNITED ARAB EMIRATES – NOVEMBER 26: Race winner Max Verstappen (Photo by Clive Rose/Getty Images)

È quasi scontato comunicare il vincitore, ormai lo sappiamo tutti che l’inno sul podio è stato quello olandese. Tutto ciò però non omaggia e non dona giustizia al grande pilota che è Max. Il numero 1 con la sua astuzia, aggressività e concentrazione una volta calata la visiera, è un vero campione a tutto tondo. E anche se è banale comunicare la sua vittoria, quello che non è banale è il suo modo di guidare e la voglia di migliorarsi ad ogni giro, ad ogni gran premio. Ed ecco che raggiunge i suoi 1000 giri in testa in una sola stagione.

Dietro di lui, a svolgere un’ottima gara da secondo posto, è l’amico-rivale, Charles Leclerc. Fino all’ultimo giro regala la speranza ai ferraristi di un secondo posto nella classifica costruttori. Comunica via radio la sua strategia al muretto: rallentare Sergio Perez dietro di lui, farsi superare (tanto al suo tempo si sarebbero aggiunti i 5 secondi di penalità) e poi tenere testa a George Russell che si sarebbe trovato al suo seguito. Purtroppo per lui, è stata una bella strategia solo a parole, il 63 della Mercedes non ha comunque lasciato spazio, arrivando sul podio in terza posizione. Il secondo posto costruttori è firmato Mercedes (per un solo secondo).

Il podio: Verstappen, Leclerc, Russell e la top 10 © SkySportF1

Il compagno in rosso, Carlos Sainz, ha cercato di rimontare fino alle prime posizioni per tutta la gara, ma la scelta di lasciarlo girare con gomme usurate più del dovuto non è stata una giocata vincente per la scuderia.

Le McLaren, nonostante abbiano svolto il loro massimo, non sono riuscite a tenersi stretto il podio, concludendo 5 e 6. In zona punti approdano anche Alonso (7), Tsunoda (8), Hamilton (9) e Stroll (10). Il secondo posto di Leclerc in gara gli permette di conquistare la quinta posizione nella classifica piloti, davanti a lui Fernando, Lewis (che non riesce ad arrivare secondo), Perez e il campione Max.

Aspettando il 2024…

Calendario 2024 Formula 1
calendario 2024 © F1

Si è appena conclusa la stagione e c’è chi pensa ai test invernali Pirelli e, soprattutto, a Marzo 2024. Il mese che darà inizio ad un pieno e interessante campionato.

Ci mancheranno le strategie di squadra, le tattiche di gara e la pura abilità di guida che rende grandi i piloti. Per la stagione 2024 si spera di vedere, senza ombra di dubbio, più spettacolo. Ma non quello sfarzo di contorno che rende la Formula 1 un tripudio di party e stravaganze, quello sulla pista che lascia tutti col fiato sospeso fino alla linea del traguardo quando la bandiera a scacchi si libera al vento, portandosi con sé le urla di gioia e commozione.

Le luci del Gran Premio di Abu Dhabi si sono spente fino al prossimo appuntamento, inaugurando un altro capitolo finale. Ha lasciato il mondo con il fiato sospeso e con l’amaro in bocca, ma sempre pronto a scoprire chi solleverà il trofeo e chi scriverà il proprio nome nell’olimpo dei campioni nel 2024. A presto.


Le foto presenti in questo articolo provengono da internet e si ritengono di libero utilizzo. Se un’immagine pubblicata risulta essere protetta da copyright, il legittimo proprietario può contattare lo staff scrivendo all’indirizzo email riportato nella sezione “Contatti” del sito: l’immagine sarà rimossa o accompagnata dalla firma dell’autore.

Articoli Correlati